L’orologio

Diamo ancora la notizia col punto interrogativo, ma sappiamo che la Fam. Trussoni sta trattando per sostituire il vecchio orologio ormai inservibile del campanile con uno nuovo elettrico. Dovrà perennare tra i frazionisti e i villeggianti il ricordo dell’Arcivescovo fraciscese Mons. Tomaso Trussoni, la cui salma riposa nella nostra chiesa parrocchiale.

( l’ Amico Fraciscio Aprile 1961)

Il nuovo orologio arriverà quanto prima. Intanto i muratori hanno preparato all’ interno del campanile le opere necessarie per la sua posa in opera. Si attendono gli elettricisti che dovranno porre i cavi per la sua alimentazione.
Ripetiamo che l’orologio è un dono di una famiglia del posto in memoria dell’ Arcivescovo fraciscese Mons. Trussoni Tomaso.

( l’ Amico Fraciscio Giugno 1961)

IL Campanile ha ripreso voce

Esattamente un anno fa in una mattinata di luglio mentre l’orologio stava scandendo quasi con fatica le nove ( ci ricordiamo ancora l’ ora precisa per lo spavento che abbiamo avuto ) il martello si è fermato improvvisamente e dentro il campanile si è sentito il rumore come di una frana. eppure le campane erano ancora su ferme al loro posto tutte e tre.
Abbiamo aperto il campanile: dietro la porta c’erano i due ponderosi pesi dell’orologio. Il vecchio orologio che aveva seguito ora per ora le giornate della nostra vita e quella dei nostri nonni era morto tragicamente. Da tanto tempo lo si aggiustava: finalmente abbiamo capito che bisognava sostituirlo.
Difatti pochi giorni fa abbiamo sentito suonare con un ritmo più veloce e gagliardo le nove e mezzo. Abbiamo guardato il campanile e abbiamo visto sulla sua facciata scintillare un quadrante dorato. Il nuovo orologio seguirà mezz’ora per mezz’ora le giornate della nostra vita e quella dei nostri nipoti.

( l’ Amico Fraciscio Luglio 1961)

Trent’anni dopo

Orologio

iscrizioene_campanileQuesta è la lapide fissata sul nostro campanile. Benedetti Coloro che donarono l’orologio in memoria di un caro defunto. Oggi l’orologio non funziona più: si dice che è da cambiare. Difatti le ore non suddividono più il giorno che sembra senza tempo. Ma ci sono ancora animi generosi che vogliono ricordare qualcuno dei loro cari, ridonando al paese il suono delle campane? Vogliamo scordare l’amore che i nostri avi hanno avuto per la loro chiesa e per il paese? Restiamo fedeli all’ amore trasmesso dai nostri antenati, ma soprattutto legati allla generosità concreta, quale onore e legame ad essi.

Un compaesano

Il lavoro verrà effettuato nella prima settimana di ottobre, prima non è possibile. Il Consiglio Pastorale ha approvato il lavoro da compiere.

( l’ Amico Fraciscio Giugno 1991)
DIN DON DAN

Mi ricordo bene quando mesi addietro la gente mi chiedeva: “non suonano più le ore? perché non funziona più l’orologio? A tutti sembrava strano quel mutismo e la staticità delle sfere. Quel silenzio era come se mancasse un amico, perché la sua voce era così familiare che per tutti era la voce di un amico. Dopo mesi di silenzio e di attesa la ditta DAN di Brescia ha sistemato con competenza e a tempo di record ( tre giorni di lavoro) castello, campane e orologio nuovo computerizzato. Adesso le ore tornano a scandire il tempo, ad avvisare che ci si deve alzare per recarsi al lavoro, che è giorno di riposo. La sistemazione ha tolto ogni pericolo.

Ringrazio di tutto cuore coloro che hanno offerto per le campane, rendendo un pregevole servizio a tutta la comunità locale.
Iddio, per intercessione del Beato Guanella, benedica le famiglie e faccia rifiorire in tutti una fede genuina e forte.

( l’ Amico Fraciscio Ottobre 1991)

I commenti sono chiusi