Anagrafe

NONNI_E_MAMMA_1929

Nonni e mamme nel 1929

Fraciscio, nella prima metà dell’Ottocento, era un pugno di case rustiche costruite in sasso, una o due di recente costruzione intonacate all’esterno. Erano una quarantina di case per i 46 nuclei familiari che erano registrati nello Stato d’anime del 1838 suddivisi tra il centro Fraciscio e la dipendente Gualdera.
I nomi delle famiglie più diffusi erano: Trussoni, Levi, Guanella, Curti; più rari i Gilardi, Macolino, Cerfoglia.
Nel 1838 gli abitanti sono in totale 235, dei quali 101 inferiori ai 15 anni. Il nucleo che nello stesso anno risulta più numeroso, è costituito da 10 membri. Si tratta della famiglia di pà Lorenzo Guanella. Altri quattro nuclei sono costituiti da 9 persone.
Ci sono 5 vedovi e 9 vedove e 3 persone vivono sole. L’età media della popolazione presente in Fraciscio nel 1838 è di 24,7 anni. A Fraciscio spetta anche il primato di longevità, con Gilardi Carlo fu Michele morto nel 1749 all’età di 120 anni (secondo la voce popolare).
Molti i bambini e i ragazzi, mentre i giovani sono chiamati alle armi e alcuni si sottraggono emigrando, pochi gli anziani; la vita è stentata e dura e la povertà si va accentuando dopo la metà del secolo.

(Da: Luigi Guanella: gli anni della formazione 1842 – 1866 pag. 115 di Piero Pellegrini)

Nel 1834 eravamo in 241, così come trovato in un documento che recita così:

– Chiavenna, il 2 aprile 1834 –

A richiesta delle deputazione comunale di Campodolcino, si dichiara

risultare dal Ruolo 1834 di quel comune che la frazione di Fraciscio

conta la popolazione di 241 individui.

secondo un altro documento sempre del 1834, risulta però che oltre ai 241 individui iscritti al Ruolo,vi sono 45 “anime” con parte di domicilio in Fraciscio. Infatti il documento recita così:

Campodolcino li 24 Marzo 1834

La Deputazione amministrativa di questo comune dichiara che  nella

sezione di fraciscio che in oltre à quelli annime iscritte Nel Ruolo della

personale di questo comune vi sono anche N.8 famiglie che formano

N.45 anime i quali sonò arolati in altri comuni ma anno casse e fondi
e parte di domicilo annuo in questa sezione di Fraciscio.

Non avendo, per il momento, altri documenti ( registri delle anime), saltiamo al 1952 dove don Pietro Ratti annotava in parrocchia n. 67 famiglie con 245 anime.
Nel 1960 don Cirillo trova 193 anime, la nonna del paese ha compiuto i 90 anni. Il più vecchio fraciscese si trova in America: si chiama Trussoni Battista.
Nel dicembre 1964 conta 198 anime così divise;

da 0 a 5 anni n. 44
da 6 a 15 anni n. 32
da 16 a 25 anni n. 20
da 26 a 50 anni n. 55
da 51 a 80 anni n. 42
oltre gli 80 anni n. 5 tutte donne.

Nel 1970 sempre don Cirillo conta n. 170 anime. ( Don Cirillo Fontana parroco, annotava anche curiosamente: abbiamo notato su almeno 20 tetti l’antenna della televisione; 18 sono i telefoni; 14 le auto che rimangono in paese anche d’inverno).

Nella primavera del 2002 si contano n. 58 nuclei familiari con 170 anime. (compresi 2 “milanesi”residenti tutto l’anno in paese.)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>