Comunicato stampa del 30 maggio

Gallivaggio, i testimoni oculari

Pubblicato da Tele Sondrio News su mercoledì 30 maggio 2018

 

FRANA DI GALLIVAGGIO: COMUNICATO STAMPA CONGIUTO COMUNITÀ MONTANA VALCHIAVENNA, COMUNI di CAMPODOLCINO, MADESIMO E SAN GIACOMO FILIPPO, PROVINCIA di SONDRIO

30 maggio 2018

Sono proseguite durante tutta la giornata odierna le attività per analizzare le conseguenze dell’importante crollo avvenuto nella giornata di ieri.

Si è stimato che la massa scesa a valle è pari a circa a 10 mila metri cubi (avendo trascinato a valle anche materiale presente in parete) la cui gran parte è stata trattenuta all’interno del vallo paramassi realizzato ai piedi della parete rocciosa negli anni scorsi.

Da qualche ora è stato riattivata la funzionalità del sistema di monitoraggio radar di ARPA Lombardia che inizierà nuovamente a trasmettere dati sulla situazione.

Il secondo sistema di monitoraggio in corpo frana è stato parzialmente danneggiato e non riesce ancora a coprire tutte le masse instabili rimaste in parete. È confermato che vi sono dei blocchi di dimensione significativa in posizione instabile e occorre capire, a seguito di sopralluoghi e precisi rilievi (quest’oggi è stato utilizzato anche un drone al fine di visionare in modo completo l’itera parete) come procedere (disgaggio, legatura, altro).

Si è tenuto questa mattina un approfondito sopralluogo ed un successivo incontro programmatorio alla presenza dei dirigenti e dei tecnici di Regione Lombardia, dei rappresentanti di Comunità Montana Valchiavenna, Provincia di Sondrio e Comuni. Al termine di queste attività è stato tempestivamente aggiornato il dossier per il riconoscimento dello STATO DI EMERGENZA NAZIONALE che ci auguriamo arrivi a breve.

Le valutazioni dei tecnici e l’attività sul versante consentirà solo nei prossimi giorni di prevedere, come vorremmo, se vi siano le condizioni di sicurezza per riaprire con finestre orarie la viabilità lungo la Strada Statale 36 compatibilmente con le lavorazione in parete.

Bookmark the permalink.

I commenti sono chiusi